Questo sito utilizza solo cookie tecnici e statistici per migliorare l'esperienza dell'utente e assicurarsi che funzioni in modo efficace. Se vuoi saperne di più clicca qui.
OK

condividi

DIMINUZIONE DEL LATTE MATERNO

Molte mamme vanno in crisi perché notano che il seno, che nelle prime settimane dopo il parto appariva gonfio e turgido, in seguito diventa sempre più morbido, fino a sembrare svuotato. È importante sapere che si tratta di un cambiamento normale dovuto al fatto che si è creato un equilibrio tra bisogno del bambino e produzione del latte. Se vi sembra che il latte sia diminuito, e questo può succedere soprattutto per le poppate serali, non allarmatevi e seguite innanzitutto dei semplici suggerimenti che possono aiutare il ripristino di una corretta produzione.

Cosa fare per aumentare il latte materno

La cosa che più stimola la produzione del latte è la suzione da parte del bambino. Il primo suggerimento è quindi quello di aumentare la frequenza e la durata delle poppate, assecondando il più possibile le esigenze del vostro piccolo, senza seguire orari o regole fisse.

Se avete l’impressione che il neonato sia nervoso per una diminuzione di latte durante la poppata, provate ad allattare da supine, tenendo le dita a forbice attorno all’areola e il neonato prono su di voi.

È poi fondamentale bere almeno 2 litri di acqua al giorno per reintegrare i liquidi.

Ricordate sempre che lo stress può essere un fattore importante nella diminuzione del latte: dormire a sufficienza, mangiare bene ed evitare ansie infondate, è un ottimo modo per evitare problemi. Consultate anche la nostra sezione relativa ad alimentazione e allattamento materno.
Se questo non basta, consultate comunque il pediatra o un’ostetrica prima di arrivare a conclusioni affrettate.