Questo sito utilizza solo cookie tecnici e statistici per migliorare l'esperienza dell'utente e assicurarsi che funzioni in modo efficace. Se vuoi saperne di più clicca qui.
OK

condividi

Le prime poppate

Cominciare bene fin dalla prima poppata

L’allattamento al seno è un processo naturale e con qualche consiglio può diventare un’esperienza meravigliosa sin dalle prime poppate. Per iniziare bene, è importante cominciare ad allattare subito. Se possibile, attaccate il bambino entro i primi 30 minuti dopo il parto per favorire la montata lattea; inoltre è importante attaccarlo spesso. Più il bambino succhia, più si formerà il latte. Anche la corretta posizione del piccolo è fondamentale.

Il bimbo deve essere in posizione orizzontale, girato verso il corpo della mamma, pancia contro pancia e con il nasino vicino al capezzolo. Per prevenire la possibilità di irritazioni o ragadi, occorre poi verificare che il bambino apra bene la bocca e solo in quel momento portarlo rapidamente al seno in modo e che prenda sia il capezzolo che parte dell’areola. A parte queste indicazioni di base, affrontiamo qui i temi che spesso agitano le neomamme, ovvero: quanto deve mangiare un neonato a poppata, se bisogna svegliare un neonato per la poppata, quale deve essere la durata della poppata, se bisogna fare il bagnetto prima o dopo la poppata.

Leggi tutto

Quanto deve mangiare un neonato a poppata

I bambini non sono tutti uguali, poppano in modo diverso uno dall’altro e si regolano naturalmente rispetto a quanto mangiare ogni poppata.

Nei primi uno/de giorni alcuni sembrano disinteressati, in seguito le poppate possono diventare molto frequenti soprattutto nelle prime settimane. Allattando ogni volta che il bambini lo chiede, verrà prodotto latte a sufficienza per le sue esigenze.

Svegliare il neonato per la poppata

Anche in questo caso vale la regola che non dovrebbe esserci bisogno di svegliare il neonato per la poppata, perché il bebè lo fa da solo seguendo il suo stimolo della fame, normalmente 6 o 7 volte nelle 24 ore. Se non lo fa e si mostra particolarmente pigro, è possibile svegliarlo ogni due ore di giorno, e ogni tre o quattro ore di notte. Dopo il primo mese, sarà utile allungare la pausa notturna, portandola gradualmente ad almeno 5 ore.

Quanto deve durare la poppata

La poppata potrà richiedere pochi minuti o anche a più di mezz’ora, il consiglio quindi è quello di trovare un posto tranquillo, una posizione comoda e mettere da parte l’orologio. Se il neonato è agitato o nervoso durante la poppata, forse non riesce a succhiare bene. Controllate la posizione e eventualmente massaggiate un po’ il seno per favorire la fuoriuscita di latte.

Il bagnetto prima o dopo?

Rassicuriamo subito le mamme che non c’è pericolo di congestione a fare il bagnetto con l’acqua a 36-37 °C dopo la poppata. Potete dunque decidere come è più opportuno: se il neonato di sveglia molto affamato, sarà meglio rimandare il bagnetto dopo la poppata. Se è sveglio e non è affamato, si può fare prima.